Quando si parla di carne d’agnello saltano subito alla mente - stimolando il nostro senso del gusto - le costolette panate e fritte, gli arrosticini, le scottadito, un bel cosciotto al forno… Solo pochi intenditori ed estimatori della carne ovina indicheranno la “pancia” come taglio prediletto.

In Galles, dove si mangia molta più carne ovina che qui da noi in Italia, è, al contrario, molto consumata, cucinata principalmente al forno, e apprezzata per il suo sapore e la sua tenerezza. Siete curiosi di provare questa specialità? Ecco 3 buoni motivi per rispondere sì:

1. Fai il pieno di gusto

La pancia è un taglio particolarmente saporito, tenero e dopo una lenta cottura in forno… si scioglie in bocca! Si accompagna molto bene alle erbe aromatiche, alla frutta secca e alle spezie, ingredienti che ne esaltano le caratteristiche organolettiche senza appesantire troppo il risultato finale.

2. Tanta resa e nessuno spreco!

La pancia di agnello è fra i tagli meno costosi, si presenta come un piccolo arrosto di circa 700-800g, ideale per preparare un secondo piatto per 4-6 persone. E’ un taglio che non prevede sprechi, pertanto la resa è massima, unita ad un gusto ineguagliabile.

3. Facilissimo da cucinare

La pancia di agnello gallese è venduta arrotolata. Si può cucinare ‘al naturale’, magari accompagnandola a verdure di stagione, oppure si può aprire, farcire con erbe aromatiche o frutta secca, e richiudere come un rollé. Non serve aggiungere molto condimento perché durante la cottura questo taglio rilascerà il suo grasso, che può essere rimosso.

E’ sempre consigliabile una cottura lenta al forno per garantire morbidezza.

Se non siete ancora convinti… guardate la nostra video-ricetta e siamo sicuri cambierete idea!